70_EVO_OPEN.JPG

INTERNATIONAL CUP

>>>CLASSIFICHE<<<

>>>VIDEO<<<

Eccolo, puntuale, il più aperto e bello, completo, spettacolare e combattuto Tricolore Scooter. Ecco la seconda prova della Polini Italian Cup 2016 andata in scena l’1 maggio sulla pista di Ottobiano che ha materializzato un’autentica sfida “Made in Europe” tra oltre ottanta piloti provenienti da ben cinque nazioni in una giornata caratterizzata da una “wet race” per l’asfalto bagnatissimo da incessanti scrosci di pioggia, vento freddo e colpi di scena dovute alle diverse scivolate. Insomma, una giornata nella quale è emerso sopra tutti l’onadese Sarik Rous del Team Olandese KNMV-EPC-Polini; autentico mago della pioggia che grazie alla sua guida coraggiosa e alla straordinaria sensibilità nel dosare il gas sul bagnato, lo hanno visto centrare due nette vittorie in Gara-1 e Gara-2 salendo sul gradino più alto del podio della Scooter 70 Evolution Open davanti all’ufficiale del Polini Team Matteo Tiraferri, e al nuovo acquisto della categoria Daniel Penzo. Dodici gare in programma, con griglie arricchite anche dalla presenza di dieci piloti “europei” con tre Sloveni e altrettanti Belgi, due olandesi e due svizzeri.  Il secondo atto della Polini Italian Cup ha dunque ribadito il successo pieno del tricolore Scooter organizzato dal moto Club Bergamo con il supporto della Polini Motori, palcoscenico d’eccellenza per offrire il meglio a tutti i team dei vari preparatori competitors della stessa Polini e piloti “amatori” tutti desiderosi di confrontarsi in un campionato italiano di qualità proprio perché aperto a tutti.  

SCOOTER 70 EVOLUTION OPEN: ROUFS SARIK OLANDESE VOLANTE
Miglior tempo delle prove, Roufs Sarik parte come un missile al via di Gara-1 dimostrando di possedere un passo irresistibile rispetto a tutti i suoi avversari andando a vincere con un vantaggio di oltre cinque secondi. Bello il confronto finale tra Penzo e Corsi, che all’ultimo giro, proprio nella penultima curva tenta il sorpasso, ma scivola finendo quinto preceduto da Vignone e Tiraferri. Anche Gara-2 è senza storia; Sarik prende ancora una volta il comando, vincendo con sei secondi di vantaggio sul duo Tiraferri-Corsi. Sfortunato Penzo, che scivola nei primi giri e finirà settimo ma comunque terzo sul gradino del podio.

RED_VESPA171_A4N2032.JPG

VESPA 171 4T POLINI: CUORE DI CALCE
E’ Ivan Calce ad assumere il comando in Gara-1 inseguito da Tortosa e Fabbri che per qualche giro cercano di attaccare Calce che però andrà a vincere indisturbato. Alle spalle dei tre di testa si mettono in luce Caddeo e Giacometti, quest’ultimo scivola però proprio al penultimo giro. In Gara-2 parte davanti Tortosa con Calce che ben presto recupera dopo una brutta partenza superando l’avversario fino a centrare una nuova vittoria. Dietro è lotta per il podio tra Caddeo, Tortosa e Fabbri. All’ultimo giro è una serie di continui cambi di posizioni; Caddeo si fa superare da Fabbri e Tortosa, che però scivola e costringe Tortosa a rallentare. Caddeo riesce così a recuperare finendo in seconda posizione precedendo Fabbri. Il podio di giornata vede nell’ordine: Calce, Fabbri, Caddeo.

RED_BIG_A4N1840.JPG

SCOOTER 100 BIG EVOLUTION OPEN: LA LEGGE DI VITALI
Starnone in Gara-1 scatta dalla pole prendendo saldamente il comando fino a tagliare indisturbato il traguardo. Julien Vitali finisce secondo dimostrando ottime qualità anche sul bagnato dopo la vittoriosa gara di un mese fa a Latina. Terzo è Bartolini che precede Sisti e Morelli. Gara-2 scatta ancora primo Starnone ma al secondo passaggio scivola riuscendo a ripartire nelle retrovie. Vitali passa primo ma anche lui è vittima di una scivolata. Sisti è bravo ad approfittare dei vari colpi di scena passando al comando davanti a Vitali e Bartolini anche se a quattro giri dalla fine è superato da Vitali e Bartolini, che transiteranno nell’ordine sul traguardo. Sisti con la terza posizione ormai assicurata è però protagonista di una scivolata e finisce quinto. Sul podio salgono nell’ordine Vitali, Bartolini, Starnone.

RED_AMA_AG39997.JPG

SCOOTER 70 EVOLUTION AMATORI:
Assente Maione che aveva vinto a Latina, Gara-1 è caratterizzata da diverse scivolate. E’ comunque Bagattini ad assumere il comando mantenendolo fino all’arrivo dove precede Falardi e lo sloveno Mihael. In Gara-2 parte bene mihael, anche se una scivolata al secondo giro lo esclude dalla lotta per il podio. Bagattini sorprende tutti involandosi verso una nuova vittoria seguito dal belga Sack e Falardi. Il podio di giornata vede salire nell’ordine Bagattini, Falardi, Sack.

RED_VESPA_A4N0796.jpg

TROFEO VESPA 135cc
E’ Villa il più lesto al via di Gara-1 seguito da Birtele autore della pole. I due di testa staccano tutti dando vita a un bel duello fino al sesto giro quando Villa scivola lasciando via libera a Birtele fino all’arrivo. Villa riparte riuscendo a finire terzo preceduto da Benini, Lumina è quarto. Una scivolata rallenta Camera che finisce quinto davanti a Piacentini e al vincitore di Latina, Larcher. Gara-2 è sempre lotta tra Villa e Birtele anche se il primo scivola di nuovo nel corso del terzo passaggio ripartendo comunque quinto. Birtele s’invola verso una nuova vittoria lasciando aperta la lotta per il secondo posto a Benini, Piacentini, Lumina e Villa. Il quartetto da spettacolo con Benini che alla fine riesce a spuntarla su Piacentini. Sfortunato Camera, scivolato al secondo giro. Salgono sul podio: Birtele, Benini, Piacentini.

RED_AMASUPERSPORT_A4N1196.jpg

SCOOTER 70 AMATORI SUPERSPORT:
Gara-1 scatta dalla pole lo svizzero Mathieu Bessard che va al comando davanti a Pagliaccia, Romaniello, Mihael e Calonaci. Proprio Calonaci all’ottavo giro supera Bessard andando a vincere. Dietro i due è un susseguirsi di colpi di scena; scivolano Mihael, Pagliaccia e Romaniello. Così è terzo Berlini davanti all’olandese Ron Boon. In Gara-2 è ancora Bessard a sorprendere tutti. Pagliaccia cerca di avvicinare il pilota svizzero ma scivola lasciando la seconda posizione a Calonaci che senza commettere errori precederà sul traguardo Botti, mentre Maione causa un errore finisce quinto. Bessard sale sul podio seguito da Calonaci e Boon.