evo open_DAG4845.JPG

SFIDE INFUOCATE

>> CLASSIFICHE <<

>> VIDEO <<

Quarto appuntamento per la Polini Italian Cup con un’ottantina di piloti al via per questo tricolore scooter organizzato dal Moto Club Bergamo la cui caratteristica principale resta sempre quella di soddisfare la voglia di esclusività “racing” dei partecipanti. Non sono mancati duelli e colpi di scena con il programma che è stato modificato con due ritardi per delle cadute.

SCOOTER 70 EVOLUTION OPEN: TIRAFERRI IL GRADITO RITORNO

E’ Matteo Tiraferri a scattare al comando di Gara-1 seguito da Vignone e dall’olandese Sarik Roufs. Da segnalare la terza fila per Filippo Corsi, leader di classe, solo nono nelle qualifiche, mentre Gabellini, partito con il terzo tempo, scivola subito. Al primo giro Tiraferri guida il gruppo su Roufs, Vignone e Corsi risalito in quarta posizione. Corsi rimonta sempre più, al secondo passaggio è già terzo ma nel tentativo di passare al comando scivola transitando solo decimo. Tiraferri e Roufs lottano per la leadership inseguiti da Andrea Vignone e Nicolò Castellini. A metà gara Roufs sferra l’attacco su Tiraferri. Sempre quarto Castellini anche ormai vicinissimo ai tre piloti di testa. Vignone regala spettacolo e riesce a passare al comando; durerà poco perché gli avversari non concedono spazio. A tre giri dalla fine Castellini sorprende Tiraferri e i due piloti del team Polini guadagnano una decina di metri su Vignone e Roufs. Il duello durerà fino all’arrivo con Tiraferri in volata davanti a Castellini. Dietro di loro finiscono Vignone, Marco Moroni, Luca Zani. Corsi è invece settimo davanti a Roufs. Gara-2 si corre su 8 giri. Vignone parte bene seguito da Tiraferri che riesce ad assumere il comando prima del tratto con l’ovale di speedway. I due si passano più volte, mentre rimonta Corsi. Moroni perde invece alcune posizioni rallentato dal suo scooter. Dopo quattro giri Tiraferri guida il gruppo davanti a Roufs, Vignone, Castellini e Corsi.  A tre giri dall’arrivo Corsi è quarto dietro a Roufs e ai due compagni di team Castellini e Tiraferri. Sono proprio Castellini e Tiraferri a contendersi la vittoria con colpo di scena nel finale quando Castellini scivola, mentre Corsi compie uno straordinario doppio sorpasso passando in seconda posizione dietro a Tiraferri. Il podio di giornata vede la vittoria di Tiraferri davanti a Corsi e Vignone.

amatori_AG39341.JPG

SCOOTER 70 EVOLUTION AMATORI: DUELLI STELLARI
Il Jog-Yamaha del team Frisoni di Beghelli scatta benissimo in Gara-1 davanti a Russo, Frigè, Inversini. Russo nel corso del terzo giro sembra poter fuggire, ma Beghelli non lo lascia scappare. Frigè, a sua volta mantiene la terza posizione precedendo Guido Conforti. Quinto è lo sloveno del Sinter Racing, Marko Mihael. Russo aumenta il ritmo prendendo un leggero margine di vantaggio sugli inseguitori. Al sesto passaggio Russo aumenta il proprio vantaggio precedendo Beghelli, Inversini, Conforti. Bello anche il duello per la quinta posizione tra Mihael e Niccolò Loia che cerca in tutti i modi di passare lo sloveno. A due giri dalla fine Russo sbaglia e Beghelli passa in prima posizione andando a vincere davanti a Russo, Inversini, Mihael e Saccani. In Gara-2 Beghelli scatta nuovamente come un razzo attaccato da Russo. Il primo giro vede passare nell’ordine Russo, Beghelli, Frigè, Inversini, Mihael e Conforti, tutti nello spazio di pochi metri. Al terzo giro Inversini è costretto al ritiro per problemi tecnici. Per la leadership il duello è tra Russo e Beghelli che si scambieranno più volte al comando della gara. Alla fine la spunta Russo davanti a Frigè e Beghelli. Quest’ultimo vittima di una scivolata alla penultima curva nel tentativo di superare Russo. Conforti è quarto, Loia quinto.

Super_sport_AG30338.JPG

SCOOTER 70 EVOLUTION SUPERSPORT: PENZO GUIDA LA FLOTTA
Parte al comando Schiappa con Picciallo che cerca immediatamente di attaccare l’avversario. Sul rettilineo prima dell’arrivo è però Penzo a precedere Schiappa e Picciallo. Nel frattempo si ritira Gianluigi Botti che era partito dalla seconda fila. Schiappa attacca Penzo, soffiandogli la prima posizione, mentre Picciallo è sempre terzo. Colpo di scena al quinto giro; nell’ovale cadono Calce, Koren e Picciallo. Bandiera rossa e gara sospesa con i tre piloti portati in ospedale per accertamenti sulle due ambulanze. Il programma riprende circa un’ora dopo per i restanti sei giri perché non era stato disputato il 50% della gara. Alla ripartenza Penzo scatta davanti mentre Schiappa resta attardato. All’inseguimento di Penzo si lancia Tognarelli, seguito da Pagliaccia, Ziarelli e Schiappa. Tognarelli attacca Penzo, passando al comando, mentre Pagliaccia è terzo a mezzo secondo. Tognarelli riesce a mantenere per qualche giro il comando, ma all’ultimo passaggio Penzo gli strappa la leadership andando a vincere. Gara-2 si disputa su 8 giri. Schiappa parte al comando, ma Daniel Penzo lo supera dopo poche centinaia di metri. Al primo passaggio sul traguardo transitano nell’ordine Penzo, Ziarelli, Tognarelli, Schiappa, Girardi. Al quinto passaggio è però Tognarelli a passare al comando inseguito da Penzo, e Schiappa. I tre lottano spalla a spalla. A tre giri dalla fine Penzo ripassa davanti. All’inizio dell’ultimo passaggio Tognarelli riesce a prendere per poco la prima posizione. L’arrivo in volata vede terminare nell’ordine Penzo, Tognarelli, Girardi, Ziarelli, Schiappa. Salgono nell’ordine sul podio Penzo, Tognarelli, Girardi.

REDBIG_DAG4565.JPG

SCOOTER 100 BIG EVOLUTION OPEN: BARTOLINI VINCE E CONVINCE
10 giri in Gara-1 con Simone Bartolini al via con la prima pole stagionale dopo l’infortunio della scorsa stagione. Seconda fila per Stefano Scribano seguito da Andriano Sisti e Nico Morelli. E’ però Vitali a staccare al comando davanti a Morelli, Rota e Scribano. Bartolini non riesce invece a partire bene perdendo parecchie posizioni. Il pilota romagnolo non si da per vinto e recupera posizione tanto da essere già sesto al primo passaggio. Il secondo giro vede transitare Vitali primo. A metà del terzo passaggio Vitali è attaccato da Morelli e Rota. Basta però poco a Bartolini per passare dalla quinta posizione alla seconda dietro a Vitali. Dietro il duo di testa Morelli, Rota, Scribano e Sisti guidano al limite per non perdere terreno. Al quinto giro passa a condurre Bartolini inseguito nell’ordine da Vitali, Rota, Scribano. Gli ultimi due passaggi sono da cardiopalmo; Vitali attacca Bartolini e ritorna al comando riuscendo a vincere dopo un lungo digiuno. Bartolini è secondo davanti a Rota, Morelli, Giannecchini, mentre Scribano è settimo. Gara-2 su 8 giri con Bartolini a fare da lepre inseguito da Rota, Giannecchini, Scribano e Morelli, questi ultimi quattro piloti racchiusi in neppure un secondo. Dopo due giri queste le posizioni; Bartolini, Rota, Giannecchini, Scribano, Nico Morelli. Bartolini fa però il vuoto. Scribano riesce invece a passare terzo e Morelli quarto dopo aver superato Giannecchini. Le posizioni non cambiano con Rota che riesce a mantenere la seconda piazza davanti a Scribano. Sul finale Scribano tenta in tutti i modi di superare Rota, ma il bergamasco riuscirà a fare sua la seconda posizione. Bartolini vince davanti a Rota, Scribano, Giannecchini e Morelli. Sul podio di giornata salgono nell’ordine Bartolini, Rota, Scribano.

REDVESPA_DAG4248.JPG

TROFEO VESPA 135cc: IRRESISTIBILE LUMINA
In Gara-1 è Nazzereno Lumina a partire con la pole per gli 8 giri previsti. L’ufficiale del Team Polini Scooter assistito dal tecnico Vespa Mario La Greca, scatta al comando seguito a pochi decimi da Camera. Al primo giro transitano nell’ordine sul traguardo Lumina, Camera, Mauro Bigarella, Alberto “Cesta” Costa, Elia Cunti, Larcher e Piacentini. Da segnalare un errore di Larcher che dalla terza piazza, lo fa retrocedere in undicesima posizione. Lumina allunga sugli inseguitori sempre guidati da Camera. Arrivo trionfale per Lumina che precede Camera, Cunti, Bigarella, Piacentini e Costa. Sono sei i giri di Gara-2 con Lumina che scatta nuovamente inseguito seguito da Camera e Cunti. Il primo giro si conclude con Lumina al comando inseguito a poco meno di 3 secondi da Cunti e a oltre 4 da Camera. Al secondo giro, Leaso riesce a passare terzo insidiando Cunti. A metà gara lo svizzero Ahron Larcher passa secondo con un bel sorpasso su Leaso e Cunti. Piacentini è quinto. Sul traguardo transita primo Lumina che firma così una bella doppietta. Dietro, Larcher, Leaso, Piacentini e Cunti. Il podio di giornata premia Lumina, Camera, Cunti, Larcher, Leaso.

pit_AG39135.JPG

PIT BIKE XP 125 4T: CAMORCIA COME UN MARTELLO
Gabriele Camorcia parte dalla pole davanti a Nicolò Castellini e Matteo Tortosa. Già al primo giro Camorcia e Castellini transitano vicinissimi sul traguardo. Castellini prova linee e traiettorie da brivido cercando di mettere pressione a Camorcia. All’inizio del terzo passaggio Castellini riesce per un attimo a passare al comando ma Camorcia si riprende la prima posizione dopo poche curve. Scambi di posizione in testa alla gara tra Camorcia e Castellini fino all’ultimo giro con la vittoria che va a Camorcia su Castellini. Terzo è Tortosa, quarto Paccagnella. In Gara-2 è sempre Camorcia ad assumere il comando inseguito da Castellini. Nuovo scambio di posizioni e al secondo giro passa a condurre Castellini su Camorcia e Tortosa. La gara prosegue con un serratissimo confronto a tre. A metà gara Tortosa prende il comando delle operazioni con Castellini secondo e Camorcia terzo. L’arrivo in volata premierà nuovamente Camorcia.