VESPA_TI16948.JPG

HOT WEEK - HOT WHEELS

>> CLASSIFICHE <<

>> VIDEO <<

La temperatura sull’asfalto della terza prova della Polini Italian Cup a Pomposa è stata calda, anzi caldissima. E non solo dal punto di vista climatico con oltre 30° e un sole mai oscurato da una nuvola: la pista ha visto in tutte le varie gare della giornata confronti davvero incandescenti. Anche il pubblico ha risposto con una presenza numerosa a questo terzo appuntamento con la Polini Italian Cup 2015 organizzata dal Moto Club Bergamo per tifare i propri idoli e per applaudire il nuovo incredibile “Corsi Show”. Il pilota toscano del Team Polini Scooter, infatti, ha dominato alla grande le due Gare della giornata guadagnando punti importantissimi nella classifica generale della prestigiosa Scooter 70 Evolution Open, considerata la MotoGP degli scooter, nella quale è leader davanti a Andrea Vignone e al compagno di squadra Matteo Tiraferri.

TROFEO VESPA 135cc: LUMINA S’ILLUMINA

Sono addirittura una ventina i partenti di questa classe protagonisti di due Gare firmate da Nazareno Lumina, dominatore indiscusso di questa terza prova. Gara-1 inizia con la caduta di Larcher, che parte terzo ma è subito costretto al ritiro. Il comando è preso da Lumina che aumenta sempre più il proprio vantaggio su Ivan Camera e Matteo Piacentini, che terminano rispettivamente secondo e terzo. E’ lotta anche per la quarta posizione tra Marco Leaso e Alberto Costa. In Gara-2 parte bene Piacentini seguito da Camera, che però scivola a causa di una macchia di benzina in pista, e coinvolge Piacentini nella caduta che si ritrova undicesimo rendendosi protagonista di una spettacolare rimonta che lo vedrà terminare quinto. Lumina prende nuovamente un bel vantaggio sugli inseguitori andando a vincere davanti a Leaso e Mammi. Con la sua doppia vittoria Lumina conferma anche la propria leadership in campionato.

70OPEN_TI17567.jpg

SCOOTER 70 EVO OPEN: CORSI SOLITARIO
Colpo di scena ancora prima della partenza di Gara-1; Matteo Tiraferri che parte con il secondo miglior tempo rinuncia a prendere il via per problemi di perdita liquidi in pista. Lo spegnimento del semaforo vede Filippo Corsi scattare subito al comando. Parte bene anche Marco Moroni anche se perde tempo prezioso per una scivolata nel corso del terzo giro e un’altra nel tentativo di recuperare terreno giocandosi le proprie carte di puntare al podio. Ne approfitta Nicolò Castellini, pilota del Team Polini, che finirà terzo alle spalle di Andrea Vignone. Gara-1 sfortunata anche per Stefano Scribano che si ferma a pochi giri dall’arrivo. Sfortunato in Gara-1, Tiraferri cerca di prendersi la rivincita in Gara-2, ma dovrà inchinarsi davanti a un Corsi davvero super e al velocissimo Castellini. Quarta posizione per Moroni, protagonista di un emozionante confronto con Tiraferri per la seconda piazza. Con queste due vittorie Corsi è ora il leader della classifica.

AMA_TI16100.JPG

SCOOTER 70 AMATORI: BEGHELLI C’E’
Sorpassi e colpi di scena per la categoria più combattuta di questo Campionato Italiano Scooter che vede Gabriele Beghelli assumere il comando di Gara-1 davanti a Mattia Ciuffolo e Rocco Russo. Quest’ultimo esce però subito di scena per una scivolata nonostante le carte in regola per lottare per la vittoria. Nella caduta di Russo sono purtroppo coinvolti anche Giacomini, Sfiller e Cionna. Beghelli aumenta il proprio ritmo andando a vincere con quasi 15 secondi di vantaggio su Ciuffolo, Emilio Maione e Riccardo Frigè. Davide Inversini all’ultimo giro attacca Niccolò Loia e Guido Conforti riuscendo a superarli entrambi fino a chiudere quinto. Gara-2 è decisamente più combattuta; per qualche giro comanda Russo per poi retrocedere lasciando spazio a Maione e Beghelli. A metà frazione la stanchezza inizia a farsi sentire e qualche errorino da parte dei vari protagonisti rimescola le carte. Beghelli va nuovamente al comando fino a vincere precedendo nuovamente Ciuffolo e Maione. Le due vittorie di Beghelli gli regalano anche la prima posizione nella classifica di campionato dopo essere partito in quinta posizione.

BIG_TI17167.JPG

SCOOTER 100 BIG EVOLUTION OPEN: I POTENTI
Pole position per Simone Bartolini, protagonista anche di due belle partenze. In Gara-1 Bartolini è inseguito da Stefano Scribano, Nico Morelli e dai due ufficiali del Team Polini, Matteo Tiraferri e Julien Vitali. Bartolini ha un buon passo, ma all’ottavo giro commette un errore all’entrata di una curva finendo in quinta posizione davanti a Adriano Sisti. A pochi giri dall’arrivo Vitali attacca Tiraferri e riesce a chiudere terzo preceduto da Scribano che vince la frazione davanti a Morelli. Al via di Gara-2 scatta sempre bene Bartolini. Il pilota romagnolo questa volta non commette errori e va a vincere dopo aver sempre condotto le danze dall’inizio alla fine. Al sesto giro Morelli è secondo, ma un piccolo errore lo fa retrocedere nelle retrovie. Ne approfitta il leader di campionato Scribano che chiude in seconda posizione davanti a Vitali, Tiraferri, Sisti e Antonio Righetti.

70SS_TI16659.JPG

SCOOTER 70 SUPERSPORT: IL GIORNO DI PENZO
Daniel Penzo fa sua la pole partendo subito all’attacco in Gara-1. Alle sue spalle si mettono in luce nell’ordine Alessandro Schiappa, Roberto Pagliaccia, Marco Girardi e Luka Koren. Solo sesto il leader di campionato Cristian Picciallo che lotta con Marco Lazzoni per la quinta posizione. Dopo dodici giri guida sempre Penzo che va a vincere. Alle sue spalle tra sorpassi, errori e staccate al limite, retrocedono Koren e Pagliaccia. Secondo termina Schiappa e terzo Girardi. Gara-2 è più movimentata. Parte sempre bene Penzo, ma al quarto giro sbaglia ed è costretto a una grande rimonta che lo vedrà finire terzo sul traguardo a un soffio dalla seconda posizione. Da metà gara a guidare il gruppo sono Girardi e Schiappa, che finiranno rispettivamente primo e secondo.

PIT_TI15922.JPG

PIT BIKE XP 125 4T: LA SESTA DI CAMORCIA
Con sei vittorie consecutive, Gabriele Camorcia si conferma sempre più leader tra le Pit Bike XP 125 4T. In Gara-1 Camorcia parte subito al comando, inseguito da Nicolò Castellini e Matteo Tortosa. I tre fanno il vuoto alle loro spalle offrendo al pubblico un grande spettacolo con continui sorpassi e staccate al limite. La leadership in testa al gruppo cambia continuamente, anche se dal quinto giro Camorcia allunga e va a vincere con un esiguo margine. Dietro il pilota milanese finiscono nell’ordine in volata Tortosa e Castellini. Gara-2 è più sofferta per Camorcia. Castellini attacca più che mai deciso a vincere la frazione. A due giri dal termine colpo di scena con Castellini che scivola nel tentativo di contrastare Camorcia. Castellini si rialza fino a chiudere quarto dietro a Tortosa e Berlini.