> DOWNLOAD CLASSIFICHE <                > VIDEO <

_TIN0277.JPG

GRANDI MATCH

Weekend di passione con tanto spettacolo, emozioni, duelli e colpi di scena a non finire per il quinto round stagionale della Polini Italian Cup domenica 5 ottobre sulla pista di Ottobiano, autentico tempio dei motori che si è presentato al top con il suo impianto interamente rinnovato per quasi metà pista e nel nuovo manto di asfalto con un grip perfetto per la sicurezza. Grande affluenza di piloti e grandi sfide in pista con l’agonismo che spesso ha giocato qualche scherzetto anche ai piloti più esperti. Nessuno escluso, quindi, quando c’è da spingere al limite e quando il livello agonistico generale è così eterogeneo. Con i giochi ancora aperti nella maggioranza delle classi il verdetto finale è più che mai vicino e si deciderà domenica 19 ottobre sull’autodromo di Modena.

red_70_evo.JPG

SCOOTER 70 EVOLUTION OPEN: CASTELLINI E MORELLI D.O.C.G.
Nella Open Gara-1 è subito grande battaglia; Castellini attacca Tiraferri e in poche tornate la situazione vede Castellini assumere il comando davanti a Corsi e Morelli che passa terzo grazie a un sorpasso deciso su Tiraferri. Morelli regala spettacolo portandosi in seconda posizione; il quartetto di testa è vicinissimo, ma al settimo giro Corsi esagera e scivola riuscendo a ripartire ancora quarto. La Gara-1 finisce con la vittoria di Castellini su Morelli e Tiraferri. In Gara-2, Corsi punta a riscattarsi partendo primo. Tiraferri lo attacca e Castellini segue i due compagni di squadra in terza posizione. Il ritmo infernale vede Tiraferri scivolare, anche se riuscirà a recuperare fino alla quarta posizione finale. Davanti, Morelli attacca e guadagna la seconda posizione mantenendola fino all’arrivo davanti a Castellini (che si porta a casa la vittoria assoluta). Gara-2 è vinta da uno spettacolare Corsi.

red_mono_TIN0054.JPG

SCOOTER 70 EVOLUTION MONO: MORONI REPLICA
Nel Monomarca Polini in gara insieme alla classe Open, parte in salita per Moroni che al secondo giro scivola e, ripartendo dall’ultima posizione, si rende protagonista di un gran recupero. Tentano la fuga Alessio Tarabella e Filippo Tognarelli, sempre al vertice del Monomarca Polini, ma nel finale la bellissima rimonta di Moroni lo porta a vincere la classe ottenendo anche la sesta posizione assoluta, Tarabella è secondo che nel finale allunga su Tognarelli. Gara-2 vede ancora i tre grandi protagonisti della “Mono” ai vertici. Questa volta a fare da quarto incomodo è Alessandro Fabbri che riesce a partire bene e tenere il ritmo di testa che lo vedrà concludere terzo. Vince con una bella doppietta Moroni, mentre Tarabella è secondo assoluto.

red_ama.jpg

SCOOTER 70 EVOLUTION AMATORI: DUELLI INCANDESCENTI
La classe più numerosa e più combattuta. In Gara-1 Roberto Pagliaccia scatta bene e si porta in testa al gruppo. Ben presto arrivano gli attacchi di Ivan Calce e Marco Girardi; quest’ultimo passa al comando tallonato dai due inseguitori. Sul finale Pagliaccia passa in seconda posizione e Calce compie un errore che lo costringerà al ritiro vanificando la sua ottima prova. Luca Koren capitalizza la situazione portandosi in terza posizione alle spalle di Pagliaccia e del vincitore Girardi. Gara-2, Pagliaccia è concentratissimo e scatta meglio inseguito dal vincitore Girardi. Si formano due gruppi distinti: il primo da Pagliaccia e Girardi in lotta per la vittoria, il secondo gruppo composto da Modena e Koren in lotta per il terzo gradino del podio. All’arrivo è nuovamente Girardi a transitare primo davanti a Pagliaccia e un solitario Calce in terza posizione.

red_100big.JPG

SCOOTER 100 BIG EVOLUTION OPEN:
Stefano Scribano parte al comando di Gara-1, seguito da Morelli (autore della pole), che lo supera poco dopo. Scribano al quinto giro scivola retrocedendo in settima posizione. Il pilota siciliano rimonta rabbiosamente fino al quinto posto, anche se al nono giro un contatto con Righetti vede i due finire a terra all’ingresso del rettilineo di partenza. Morelli prende il largo e arriverà primo, secondo Vitali e terzo il rientrato Bartolini. Scribano limita i danni finendo settimo. Al via di Gara-2, Scribano e Morelli sono ancora i più veloci, mentre Vitali è costretto al ritiro vanificando l’ottima prova di Gara-1. Scribano attacca e passa al comando involandosi verso la vittoria davanti a Morelli, che grazie al secondo posto farà sua la vittoria assoluta, mentre Bartolini ritorna sul podio. Quarto è Antonio Righetti che si prende la rivincita dopo la sfortunata gara-1.

red_vespa_TIN0362.JPG

TROFEO VESPA 135cc. CLASSIC: LUMINA LA VESPA PIU’ VELOCE
Gara-1 vede Nazzareno Lumina partire dalla pole al termine di una serie di prove libere nelle quali raggiunge il giusto feeling di guida con la rinnovata Vespa 135 del Team Polini. Alle sue spalle insegue il campione in carica, Matteo Piacentini che non troverà però la possibilità di attaccare Lumina pensando a incamerare punti preziosi in classifica. Alle spalle dei due di testa brillano Bigarella e Mammi. In Gara-2 Lumina scatta nuovamente al comando seguito da Piacentini che prova più volte ad attaccare l’ufficiale Polini senza però successo. Mammi porta a termine una gara tutta all’attacco guadagnando in volata la terza posizione su Bigarella.

red_pit_TIN9900.JPG

PIT BIKE XP 125 4T: CAMORCIA VINCE E ACCORCIA IN CAMPIONATO
E’ Nicolò Castellini a partire dalla pole, anche se al via sbaglia e rilasciando la leva della frizione rischia di capottarsi perdendo così parecchio tempo sul gruppo che gli scorre davanti. Ne approfitta Gabriele Camorcia che guadagna metri schizzando al comando inseguito da Lorenzo Pirrè e Gianluca Cuttitta che lotteranno fino all’ultimo dietro l’imprendibile Camorcia. Sfida ancora più incerta in Gara-2 con Camorcia nuovamente al comando, anche se Cuttita cerca subito di attaccarlo. Pirrè è terzo, mentre Castellini parte bene ed è quarto incollato al terzetto di testa. E’ grande lotta tra Camorcia e Pirrè per il primato. Al quinto passaggio un contatto tra Castellini e Fabbri toglie la possibilità a Castellini di lottare per la vittoria finale. Nelle battute finali Camorcia guida concentratissimo con l’obiettivo di evitare ogni possibile errore fino alla bandiera a scacchi dove precede Cuttitta, Pirrè e il rimontante Castellini.