IC_GARADUE_01.jpg

COPPIA D’ASSALTO

GUARDA LE FOTO DELLE GARE

Seconda gara stagionale e secondo grande successo per la Polini Italian Cup. 

A un mese dal debutto di Corridonia, è stato l’impegnativo e spettacolare tracciato di Castelletto di Branduzzo a ospitare le gare di questo tricolore. Un mix esplosivo articolato su ben tredici avvincenti “Gare” con kermesse a gas spalancato ricche di brividi e colpi di scena. Una giornata completamente vissuta all'insegna dei colori Polini, nell'ambito della quale si è potuto assistere anche all'esibizione in volo di Oscar Mistri, pilota della nazionale di parapendio a motore, collaudatore Polini, che ha volteggiato sul circuito con il parapendio dotato di propulsore Thor Polini.

IC_GARADUE_02.jpg

SCOOTER 70 EVOLUTION OPEN

Gare molto avvincenti per il più seguito dei tre Trofei Scooter. La classifica è stata caratterizzata da una doppietta pressoché incontrastata dei due piloti ufficiali del team Polini, Matteo Tiraferri e Filippo Corsi. Tiraferri e Corsi hanno centrato nell'ordine la prima e la seconda posizione nelle due Gare. Per Tiraferri è stata una partita quasi solitaria: in testa dalle prime battute e fino alla fine delle due Gare, ha chiuso sul traguardo precedendo il compagno di squadra del Team Polini Scooter con buon margine. Un poco di bagarre in più, invece, per il compagno di casacca Corsi, che in Gara 2 ha duellato per i primi giri con Aldo Perazzini. Con i due dominatori in fuga, i confronti nella Scooter 70 Evolution Open hanno visto Perazzini chiudere terzo sul podio, mentre Adriano Sisti è finito terzo in Gara 1 e quinto in Gara 2 scavalcato al terzo degli otto passaggi da Paolo Gabelli.

IC_GARADUE_03.jpg

SCOOTER 94 BIG EVOLUTION OPEN

Il successo di giornata è andato a Massimo Tedeschi dopo due bei duelli con Mathia Beatrizzotti durati diverse tornate. Christian Mammi, ha invece centrato il terzo gradino del podio al termine di una giornata non particolarmente fortunata. Mammi si è inserito al secondo posto in Gara 1, ma non è mai riuscito a essere in gioco per la posizione più alta in Gara 2. In Gara 2 in evidenza anche Gianluca Rapicavoli, terzo sul traguardo dopo aver controllato gli attacchi dello stesso Mammi.

IC_GARADUE_04.jpg

SCOOTER 70 EVOLUTION POLINI

Due belle gare combattute e ricche di capovolgimenti e colpi di scena hanno consegnato ad Alessandro Fabbri la vittoria grazie ai punti conquistati con il secondo posto in Gara 1 e il primo in Gara 2. Secondo gradino del podio per Alessandro Garzaro, che dopo aver centrato la vittoria in Gara 1 conducendo le danze per tutte le otto tornate, in Gara 2 è purtroppo incappato in un errore mentre si trovava ancora in lotta per la vittoria. Terzo posto di giornata per Carlo Gurrieri che ha visto sfumare la possibilità di un terzo posto in Gara 1 a causa di una scivolata al sesto giro, rimediando però tenacemente con il secondo posto in Gara 2, beffato solo da Fabbri. Prestazioni non costanti hanno tolto a Stefano Serventi la possibilità di inserirsi nel terzetto del podio: terzo in Gara 1, ha visto sfumare la posizione di leader in Gara 2 per un errore al quinto passaggio

IC_GARADUE_05.jpg

CLASSIFICHE

TROFEO SCOOTER 70 EVOLUTION MONOMARCA 

GARA 1 
1. Garzaro; 2. Fabbri; 3. Serventi; 4. Nardo; 5. Gurrieri; 6. Linguerri; 7. Delicato; 8. Zaccaria; 9. Scimè; 10. Quartarone; 11. Dalpiano;. 
GARA 2
 1. Fabbri; 2. Gurrieri; 3. Ceriotti; 4. Nardo; 5. Linguerri; 6. Garzaro; 7. Delicato; 8. Serventi; 9. Zaccaria; 10. Scimè; 11. Quartarone; 12. Iovine. 
IN CAMPIONATO 
1. Fabbri 72; 2. Serventi 69; 3. Nardo 52; 4. Garzaro 51; 5. Giovacchini 50; 6. Linguerri 42; 7. Gurrieri 31; 8. Quartarone 29; 9. Delicato 23; 10. Iovine 18; 11. Capraro 17; 12. Ceriotti 16; 13. Zaccaria 15; 14. Nardi 14; 15. Scimè 13; 16. Valente 11; 17. Dalpiano 5; 18. Tognarelli 3; 19. Losappio 2. 

TROFEO SCOOTER 70 OPEN 
GARA 1 
1. Tiraferri; 2. Corsi; 3. Sisti; 4. Perazzini; 5. Ziarelli; 6. Bartolini; 7. Anastasi; 8. Mendogho; 9. Basile; 10. Angeli; 11. Leonardi. 
GARA 2 
1. Tiraferri; 2. Corsi; 3. Perazzini; 4. Gabelli; 5. Sisti; 6. Ziarelli; 7. Bartolini; 8. Del Sorbo; 9. Longo; 10. Mendogho; 11. Anastasi; 12. Calce; 13. Basile; 14. Angeli; 15. Leonardi. 
IN CAMPIONATO 
1. Corsi 80; 2. Tiraferri 75; 3. Sisit 65; 4.Bartolini 51; 5. Ziarelli 34; 6. Perazzini 29; 7. Angeli 28; 8. Leonardi 24; 9. Calce 15; 10. Anastasi 14; 11. Mendogho 14; 12. Gabelli 11; 13. Basile 10; 14. Del Sorbo 8; 15. Longo 7. 

TROFEO SCOOTER BIG EVOLUTION 94 OPEN 
GARA 1 
1. Tedeschi; 2. Mammi; 3. Beatrizzotti; 4. Zanetti; 5. Fregoni; 6. Bruzzone; 7. Danieli; 8. Carlotti. 
GARA 2
1. Beatrizzotti; 2. Tedeschi; 3. Rapicavoli; 4. Zanetti; 5. Mammi; 6. Danieli; 7. Fregoni; 8. Carlotti; 9. Frisoni. 
IN CAMPIONATO 
1. Mammi 76; 2. Beatrizzotti 68; 3. Vitali 45; 4. Tedeschi 45; 5. Danieli 44; 6. Frisoni 33; 7. Zanetti 26; 8. Moretti 20; 9. Nardini 20; 10. Fregoni 20; 11. Carlotti 16; 12. Rapicavoli 16; 13. Bruzzone 10.

IC_GARADUE_06.jpg

MAXI ADRENALINA

Il Trofeo Nazionale Maxi Scooter non finisce di stupire. Dopo quasi due mesi di sosta forzata dalla prova d’apertura del 7 marzo a Vallelunga dominata da Gianluca Rapicavoli con il TMax del team La Greca di Milano, il tricolore è ripartito alla grande a Castelletto di Branduzzo in abbinamento alla Polini Italian Cup con una gara ricca d’interessi tecnici, colpi di scena, spettacolo e uno straordinario duello da brividi tra Mendogho e Rapicavoli. La rincorsa alla vittoria di questa seconda gara stagionale del Trofeo Nazionale Maxiscooter è vissuta sul bellissimo confronto tra Marvin Mendogho, in sella al TMax del team Nonno Sport di Roma e Gianluca Rapicavoli. Se i due veloci piloti della classe Supersport avevano già dato spettacolo nel primo appuntamento di Vallelunga, la sfida di Castelletto è stata ancor più entusiasmante. Il progressivo adattamento di Mendogho al suo nuovo maxi scooter e la sua voglia di riscatto, gli hanno fornito una carica aggiuntiva che gli ha permesso di vincere questo secondo confronto.

IC_GARADUE_07.jpg

Rapicavoli, dopo essere sempre caduto nelle due sessioni cronometrate del mattino, al via della Gara è scattato al comando riuscendo a tenersi dietro Mendogho per sei giri. Alla tornata successiva, Mendogho ha però mandato a segno il suo affondo: guadagnata la posizione di leader, ha progressivamente aumentato il suo vantaggio fino all'arrivo, quando è transitato sotto la bandiera a scacchi con un vantaggio di oltre tre secondi e mezzo su Rapicavoli. Dietro di loro è andata in scena una bella contesa tra Cesare Fusto, Lupin e Giovanni Gabrielli. Ad avere la meglio è stato Fusto, che si è reso autore di una grande rimonta dal settimo fino al terzo posto finale. A Fusto è andata anche la vittoria della categoria Stock. Meno bene è andata a Giovanni Gabrielli, il quale è stato a lungo a contatto con i battistrada Mendogho e Rapicavoli, ma al nono giro ha commesso un errore che lo ha fatto capitolare dal terzo al settimo posto; una buona rimonta gli ha permesso di chiudere in quinta posizione (terzo della Supersport).

IC_GARADUE_08.jpg

Regolare e sempre con buon ritmo la gara di Lupin, che ha terminato al quarto posto, secondo della Stock. "Non conoscevo questa pista, ma grazie alle sessioni libere di sabato sono riuscito a trovare il feeling che mi era mancato a Vallelunga. Volevo assolutamente recuperare il gap nei confronti di Rapicavoli e grazie al primo posto ora siamo a pari punti in campionato. Sono stati sedici giri tiratissimi ed i numerosi doppiaggi, iniziati a metà gara, hanno sicuramente aumentato la fatica. Dedico la vittoria a Nonno Sport e a tutto lo staff del team" - Mendogho, ha raccontato a fine gara - "Nel primo turno di prove cronometrate sono caduto per un mio errore, mentre nel secondo ho tamponato Pischedda Alessandro che durante un doppiaggio non mi ha sentito arrivare e ci siamo urtati. Mi dispiace che si sia fatto male. Devo ringraziare Luigi Ceccarelli e Oberdan Scotti del Team Moms Motor per avermi fornito alcuni ricambi senza i quali il mio preparatore Mario La Greca non avrebbe potuto ricostruire il mezzo in tempi record”. Il racconto di Rapicavoli -

IC_GARADUE_09.jpg

CLASSIFICHE

MAXI SCOOTER 

1. Mendogho; 2. Rapicavoli; 3. Fusto; 4. Lupin; 5. Gabrielli; 6. Corona; 7. Boschetti; 8. Pannone; 9. Pintus; 10. Marrocco; 11. Di Carmine; 12. Giannazza; 13. Luperini; 14. Stefanoni; 15. Ferrara; 16. Turbino; 17. Comin; 18. Triacci; 19. Giuliani; 20. Valentini; 21. Risi. 

IN CAMPIONATO SUPERSPORT 
1. Rapicavoli, Mendogho 45; 3. Valentini 24; 4. Gabrielli 16; 5. Giordani 16; 6. Giuliani 13; 7. Panfili 11. 

IN CAMPIONATO SUPERSTOCK 
1. Comin 31; 2. Turbino 29; 3. Pischeddo 25; 4. Giannazza 25; 5. Luperini 20; 6. Ferrara 16; 7. Triacci 10; 8. Saraceno 0. 

IN CAMPIONATO SUPERBIKE 
1. Savoca 50; 2. Pietrolucci 20. 

IN CAMPIONATO STOCK 
1. Gatti 45; 2. Boschetti 36; 3. Fusto 33; 4. Pintus 27; 5. Pannone 20; 6. Di Carmine 19; 7. Risi 13; 8. Saraceno 11; 9. Marrocco 10; 10. Triacci 9; 11. Stefanoni 8.

IC_GARADUE_10.jpg

RAGAZZE ALL’ATTACCO

Continuano le grandi sfide nella Polini Italian Cup anche per i numerosissimi protagonisti dei due Trofei Pit Bike che nella prova di Castelletto di Branduzzo hanno visto per la prima volta una ragazza sul podio di questo tricolore. 


XP 4T 110/125 STREET 
Nulla da fare contro Mattia Gollini: malgrado il tenace inseguimento ed i tentativi di affondo portati da Jacopo Schirò ed Alessio Corneti, Gollini ha fatto suoi con autorità i cinquanta punti delle due Gare. In Gara 1, fuori dalla contesa Corneti a causa di un errore dopo qualche giro, il testimone dell’inseguitore l’ha preso Schirò, che ha chiuso alle spalle del mattatore con un secondo di distacco. In Gara 2 il duello tra Corneti e Gollini è stato serrato, tanto che i due sono transitati sulla linea del traguardo in pratica appaiati, con uno svantaggio di solo 84 millesimi per Corneti. In questa seconda frazione, Schirò ha chiuso terzo a tre secondi. Podio nell’ordine per Gollini, Schirò e Corneti.

IC_GARADUE_11.jpg

XP 4T 150 OPEN 

La graziosa Sara Panizzolo ha infatti conquistato la terza posizione finale grazie alla bellissima prova di Gara 2. Senza alcun timore reverenziale nei confronti dei vari agguerriti “maschietti”, la Panizzolo è riuscita a fare suo il terzo gradino del podio con un recupero a dir poco straordinario; è passata dalla sesta alla terza posizione con un emozionantissimo arrivo in volata dopo la settima posizione di Gara 1. Laura Santini, altra ragazza in gara, ha invece chiuso quattordicesima e tredicesima. In questo Trofeo Pit Bike si è imposto Guido Fulgoni che ha messo a segno la vittoria in entrambe le frazioni. In Gara 1 ha provato a sbarrargli la corsa Marco Ferreri, che in alcune tornate è anche riuscito a tenergli testa. Out Ferreri per un problema al quarto giro di Gara 2, l’inseguitore più efficace è stato Devis Catellani, chiudendo la sua rincorsa con uno svantaggio di poco più di un secondo dal vincitore. Catellani in Gara 1 ha chiuso, un po’ staccato, al terzo posto, e la somma dei due risultati gli ha permesso di salire sul secondo gradino del podio.

IC_GARADUE_12.jpg

GRC MINI GP 50 

Sfida vigorosa tra un quartetto di piloti composto da Simone Mazzola, Manuel Perseghin, Niki Truzzi e Alex Suvio: la loro è stata una danza traiettoria su traiettoria, andata in scena in modo emozionante per tutte le tornate delle due gare. A parte la gara solitaria di Alex Mazzocchi, in pista come outsider e fuori classifica, che si è lanciato in una fuga conclusa con un buon vantaggio sul gruppetto dei quattro, la sfida proprio di questi quattro ha fatto esultare dagli spalti tutti gli spettatori: Mazzola e Perseghin hanno incrociato le loro traiettorie in continuazione, con Perseghin capace di vincere Gara 1, ma finito a terra in Gara 2 mentre stava duellando. La vittoria di Gara 2 è andata quindi a Mazzola, ma in più di un’occasione si è presentato davanti a tutti anche Truzzi, e, sul finale di Gara 2, il guizzo di Suvio gli ha permesso di chiudere in terza posizione. Alla fine sul gradino più alto del podio è andato Simone Mazzola, secondo in Gara 1 e vincitore della successiva, poi Suvio, grazie al quarto posto di Gara 1 ed il secondo di Gara 2; terzo Truzzi, due volte terzo.

IC_GARADUE_13.jpg

CLASSIFICHE

PIT BIKE XP 110 OVER – 125 STREET 

GARA 1 
1. Gollini; 2. Schirò; 3. Napodano; 4. Ferdani; 5. Mantovi; 6. Corneti; 7. Moreschi; 8. Cuttitta; 9. Giambrone; 10. Camorcia; 11. Bonomelli; 12. Risi L.; 13. Ferretti; 14. Lorenzi; 15. Feroldi; 16. Giuranna; 17. Linfozzi.; 18. Risi F.; 19. Fioravanti. 
GARA 2 
1. Gollini; 2. Corneti; 3. Schirò; 4. Bonomelli; 5. Napodano; 6. Mantovi; 7. Ferdani; 8. Cuttitta; 9. Moreschi; 10. Ferretti; 11. Giambrone; 12. Camorcia; 13. Risi L.; 14. Giuranna; 15. Feroldi; 16; Lorenzi; 17. Linfozzi; 18. Risi F.; 19. Fioravanti. 
IN CAMPIONATO 
1. Gollini 95; 2. Corneti 75; 3. Schirò 68; 4. Napodano 46; 5. Bonomelli 44; 6. Ferdani 41; 7. Moreschi 36; 8. Cuttitta 24; 9. Ferretti 21; 10. Mantovi 21; 11. Camorcia 19; 12. Giambrone 19; 13. Ammirata 17; 14. Giuranna 14; 15. Risi L. 8; 16. Lorenzi 6; 17. Linfozzi 4; 18. Feroldi 2; 19. Risi F. 0; 20. Fioravanti 0. 

PIT BIKE XP 150 OPEN – XP65 
GARA 1 
1. Fulgoni; 2. Ferreri; 3. Catellani; 4. Gollini; 5. Dragoni; 6. Ammirata; 7. Panizzolo; 8. Paccagnella; 9. Gianfreda; 10. Tomassini; 11. Annesi; 12. Milani; 13. Giulietti; 14. Santini; 15. Stermieri; 16. Caiti. 
GARA 2 
1. Fulgoni; 2. Catellani; 3. Panizzolo; 4. Dragoni; 5. Ammirata; 6. Tomassini; 7. Gianfreda; 8. Gollini; 9. Annesi; 10. Giulietti; 11. Milani; 12. Paccagnella; 13. Santini; 14. Stermieri; 15. Ferreri. 
IN CAMPIONATO 
1. Fulgoni 75; 2. Catellani 72; 3. Gollini 57; 4. Ferreri 40; 5. Ammirata 40; 6. Gianfreda 35; 7. Panizzolo 33; 8. Poggi 26; 9. Rolandi 24; 10. Dragoni 24; 11. Milani 23; 12. Paccagnella 22; 13. Tomassini 17; 14. Vacchelli 15; 15. Annesi 15; 16. Santini 14; 17. Giulietti 9; 18. Stermieri 1; 19. Caiti 0. 

MINIGP 
GARA 1 
1. Mazzocchi; 2. Perseghin; 3. Mazzola; 4. Truzzi; 5. Suvio; 6. Maio; 7. Ruiu; 8. Santi; 9. Camilletti. 
GARA 2 
1. Mazzocchi; 2. Mazzola; 3. Suvio; 4. Truzzi; 5. Santi; 6. Ruiu; 7. Maio; 8. Camilletti; 9. Perseghin. 
IN CAMPIONATO 
1. Mazzocchi 50; 2. Mazzola 36; 3. Perseghin 27; 4. Suvio 27; 5. Truzzi 26; 6. Maio 19; 7. Ruiu 19; 8. Danieli 19; 9. Camilletti 15.